democrazia della concordanza come via d'uscita

Lettera aperta ai due candidati sindaco per Bolzano

Diamo espressione alla varietà anche nella politica e consideriamo il suo valore -
la democrazia della concordanza come via d’uscita dalla crisi politica

Come arrivare alla governabilità della città di Bolzano? Quale maggioranza si potrà trovare? La logica vigente della concorrenza tra i partiti, ognuno dei quali lotta accanitamente per acquisire più potere, ci porta a una realtà politica nella quale il governo effettivamente rappresenta sempre meno cittadini. Sommando i cittadini che sono stati esclusi dalla rappresentazione partitica in consiglio attraverso la soglia di accesso a coloro che non si sono visti rappresentati da nessun partito e perciò hanno scelto di non votare, e aggiungendo coloro che hanno votato i partiti che finiranno in opposizione, allora vediamo che regna una maggioranza di governo che rappresenta non più del 30% degli aventi diritto al voto. Non è un buon segno di salute per la democrazia - e il numero dei non votanti aumenterà ulteriormente.

Le cose possono però anche funzionare diversamente.

Leggi tutto...

Il referendum confermativo su delibere della Giunta provinciale

Il punto dolente nel nuovo disegno di legge sulla democrazia diretta

La prima commissione legislativa del Consiglio provinciale ha presentato le linee generali del nuovo disegno di legge sulla democrazia diretta. Il referendum confermativo su delibere della Giunta provinciale dev'essere previsto nel testo di legge. Viene rivendicato da complessivamente 60.000 firme raccolte per 4 iniziative popolari e un referendum confermativo nonché da 115.000 voti a sostegno del disegno di legge di iniziativa popolare nella votazione referendaria del 2009.
L'Iniziativa per più democrazia segue con interesse i lavori sulla nuova proposta di legge e ci tiene a mettere in evidenze quanto segue:

Leggi tutto...

sondaggio tra i candidati sindaco di Bolzano

Quale candidato sindaco è disposto a condividere il potere politico e la responsabilità
con le cittadine e i cittadini?


L'imminente elezione del consiglio comunale di Bolzano a molti cittadini dà l'impressione di essere sprofondati ancor di più nella crisi politica della città che si trascina ormai da tanti anni. La governabilità della città sembra essere più lontana che mai. Questa percezione viene rassodata dal gran numero di liste che si presentano e di candidati sindaco ancora più numerosi rispetto alle elezioni dell'anno passato.
L'Iniziativa per più democrazia però vede la causa della problematica altrove e la avverte in modo più evidente nel fatto che ormai quasi la metà degli aventi diritto al voto si è congedata da questo tipo di politica e non ha nessuna intenzione di farsi da essa rappresentare. Le cittadine e i cittadini non ne possono più di una politica che si presenta come una continua lotta di tutti contro tutti nella quale non ci si batte per le soluzioni migliori per la città, ma dove una maggioranza è sempre tesa a realizzare i propri interessi specifici.
L'Iniziativa per più democrazia in un sondaggio rivolto a tutti i candidati sindaco ha confrontato questi con una concezione di politica oltremodo differente:

Leggi tutto...

ripresentato in Consiglio provinciale il disegno di legge popolare sulla democrazia diretta

Cinque gruppi consiliari vogliono rendere possibile il referendum consultivo su due differenti proposte di regolamentazione della democrazia diretta.

I gruppi consiliari della BürgerUnion, dei Die Freiheitlichen, del Movimento cinque stelle, dei verdi/Grünen/verc e di L’Alto Adige nel Cuore hanno  ripresentato in Consiglio provinciale la nostra proposta di legge di iniziativa popolare sulla democrazia diretta. Con questa ripresentazione gli aventi diritto al voto a livello provinciale dovranno ricevere l'opportunità di esprimere in un referendum consultivo in modo chiaro se preferiscono la proposta di regolamentazione in fase di elaborazione del Consiglio provinciale o quella già accettata nella votazione referendaria del 2009 da ben oltre 100.000 cittadine e cittadini. Solo con l’espressione di una tale preferenza il Consiglio avrà modo di poter adeguare il più possibile la propria legge alle proposte e alle aspettative maggioritarie dei cittadini e delle cittadine.

leggi la motivazione per questo passo

il disegno di legge popolare ripresentato

Leggi tutto...

20 anni Iniziativa per più Democrazia

Da sudditi a cittadini

Nel 1995 erano 4-5 i cittadini sconcertati dal fatto che i comuni si erano dati degli statuti senza che la cittadinanza vi avesse avuto voce in capitolo, la quale, anzi, era stata lasciata all’oscuro di tutto.
Oggi, nel 2015, anno in cui per la ben terza volta è stato sollecitato da essi ad approntare una legge sulla democrazia diretta ben praticabile ed efficacie, il Consiglio Provinciale almeno si mostra interessato e disposto ad ascoltare prima i cittadini. Quanto ciò però potrebbe essere nuovamente di pura facciata lo riveleranno presto gli esiti dei lavori.
Tra queste due date troviamo quattro iniziative legislative popolari, un referendum propositivo sul disegno di legge presentato da un ampio schieramento della società civile e un referendum confermativo contro una regolamentazione della materia, voluta dalla maggioranza parlamentare del Consiglio, che non si presentava in una forma condivisibile.

Leggi tutto...

Chi è online

Abbiamo 307 visitatori e nessun utente online

Dieses Portal verwendet Cookies zur Optimierung der Browserfunktion.Wenn Sie mehr über die von uns verwendeten Cookies und deren Löschung erfahren möchten, ziehen Sie bitte unsere Datenschutzbestimmung zu Rate.Datenschutzbestimmung.

  Ich akzeptiere die Cookies von dieser Seite.
EU Cookie Directive Module Information