Alcuni valori di base non sono divisibili; questo vale anche per il valore sociale della democrazia.
La democrazia non si può ridurre a una parte specifica della vita sociale: essa deve permeare non solo la vita politica, ma tutti gli ambiti della vita sociale, e quindi anche i servizi comuni e l'economia.
Secondo Christian Felber esistono tre forme di proprietà nell'ordine economico:
- la proprietà pubblica
- la proprietà collettiva-privata
- la proprietà individuale-privata


La proprietà pubblica esiste ad esempio nelle moderne cosidette "allmende" (quello che appartiene a tutti").

Quello che in passato era bene comune come ad esempio un prato, un bosco o l'acqua, nei tempi moderni, si è esteso a nuovi beni  (energia, acqua potabile) e nei servizi di assistenza di base, come ad es. nei settori della salute, della formazione, delle istituzioni culturali, dell'assistenza pensionistica, ecc. L'obiettivo è garantire questi servizi a tutti e a prezzi accessibili, fare in modo che siano servizi di qualità e garantiscano il mantenimento di determinati standard di benessere collettivo.
Nel corso degli ultimi due decenni, sotto la pressione dell'onda neoliberale, i beni comuni sono stati ridotti sempre di più, sono stati  privatizzati e sottomessi alla ricerca di profitto. L'affermazione che la privatizzazione ed il mercato libero potessero proporci dei servizi meno cari e più efficienti non è però diventata realtà. Al contrario è successo l'opposto, come ci mostrano molti esempi concreti.
Quello che conta ora è fermare l'esproprio del pubblico e fortificare i beni comuni rendendoli nuovamente tali. Non è sufficiente riportare tutto alla situazione iniziale; essi devono essere creati e organizzati in modo nuovo. Per fare ciò è necessario introdurre un'ampia codeterminazione da parte dei cittadini, che realizzi più giustizia, più efficienza e più flessibilità; è necessario che si sviluppi una coscienza ambientalista più ampia e che terminino le ingerenze politiche da parte dei partiti.
Il passo decisivo per la ricreazione dei beni comuni è quindi una democratizzazione radicale, la condizione  base per la realizzazione dei restanti obiettivi e per l'evoluzione della democrazia.  

Secondo Christian Felber la guida imprenditoriale dei beni comuni dovrebbe essere costituita in futuro secondo il principio  del"quadrifoglio":

  • rappresentante del bene comune (comuni, provincia, stato)
  • rappresentante dei dipendenti di un'impresa
  • rappresentante degli utenti
  • rappresentante di una commissione gender (controlla la parità sociale dei sessi)

Chi è online

Abbiamo 521 visitatori e nessun utente online

Dieses Portal verwendet Cookies zur Optimierung der Browserfunktion.Wenn Sie mehr über die von uns verwendeten Cookies und deren Löschung erfahren möchten, ziehen Sie bitte unsere Datenschutzbestimmung zu Rate.Datenschutzbestimmung.

  Ich akzeptiere die Cookies von dieser Seite.
EU Cookie Directive Module Information