Detto semplicemente: non si può più tollerare che i nostri politici guadagnino così tanto. Se poi confrontiamo i loro stipendi con quelli di altri paesi e consideriamo pure la scarsa qualità del loro lavoro la cosa risulta veramente inaccettabile: è ora che cambi qualcosa. Non è per invidia o per la necessità di risparmiare: la cosa più preoccupante è che noi affidiamo i compiti più importanti che riguardano l'intera collettività a persone che mirano in primo luogo al vantaggio di stipendi lucrativi. E' un criterio poco nobile che purtroppo hanno molte persone che ambiscono a questa posizione; proprio coloro che si occupano della cosa pubblica invece dovrebbero essere le persone che maggiormente hanno a cuore non i propri vantaggi ma il bene del popolo.

 

La nostra democrazia è malata proprio a causa di questa selezione negativa. Se vogliamo una guarigione della democrazia è necessario che coloro che lavorano in ambito politico siano animati da altre motivazioni e prospettive: non dalla prospettiva di un potere esclusivo e di privilegi strepitosi, non dalla presunzione di non dover imparare, di essere esentati dal dover argomentare le proprie idee; gli aspiranti politici non si devono sentire distanti dai cittadini al punto da non sentirsi in obbligo di ricercare il loro consenso per le decisioni politiche e di giustificare la propria immunità. Al contrario dovrebbero essere persone che favoriscono una collaborazione costruttiva e la ricerca di soluzioni ottimali, che sono disponibili a sottoporre le proprie idee all'opinione pubblica, che prendono decisioni a seconda delle proprie convinzioni senza sottostare agli interessi di potere del partito cui sono legati per la propria ricandidatura e per l'ottenimento di privilegi, tra cui quello di una vita assicurata dal punto di vista economico.

Per questi motivi è più che mai necessario rivedere e regolare ex novo gli stipendi dei politici. È ancora da esaminare ma pare che ci sia la possibilità di sottoporre al referendum le attuali normative che regolano gli stipendi dei politici e di mettere così in discussione lo status del rappresentante politico all'interno della popolazione: deve esercitare il potere sulla popolazione o servire i cittadini?

Chi è online

Abbiamo 254 visitatori e nessun utente online

Dieses Portal verwendet Cookies zur Optimierung der Browserfunktion.Wenn Sie mehr über die von uns verwendeten Cookies und deren Löschung erfahren möchten, ziehen Sie bitte unsere Datenschutzbestimmung zu Rate.Datenschutzbestimmung.

  Ich akzeptiere die Cookies von dieser Seite.
EU Cookie Directive Module Information