Osservazione domanda 14

Si può essere convinti che la retribuzione dei consiglieri sia giusta o no. Ma indipendentemente da questo bisogna chiedersi chi debba stabilirla. Perché bisogna chiederselo? Perché l’entità del compenso è uno dei punti fondamentali che determinano chi diventerà consigliere. Gli attuali alti compensi sono stati introdotti per rendere i consiglieri per quanto possibile incorruttibili. D’altra parte, non potrebbero essere stati comprati proprio per quest’incarico? Una cosa è certa: a chi diventa consigliere è garantito un reddito alto indipendentemente da quel che fa. È invece del tutto incerto quanto egli possa realizzare degli ideali che lo hanno indotto a candidarsi. Evidentemente l’entità del compenso esercita un’attrazione maggiore degli ideali – o forse non dovremmo chiederci se il beneficiario d’una decisione possa decidere su se stesso in modo veramente obiettivo e disinteressato? In ogni caso, per la qualità della politica la definizione del compenso dei rappresentanti eletti è una questione non trascurabile. Le opzioni sono due: o decide il consigliere, cioè l’eletto, o decide l’elettore. Nel primo caso il rischio è il self-service, nel secondo è non aver idea di un compenso adeguato. Nel secondo caso il rischio è un compenso troppo basso, che potrebbe dissuadere dal candidarsi chi ne percepisce uno più alto e ha un tenore di vita corrispondente. Pertanto bisogna valutare rischi e vantaggi delle due opzioni.

Cerca

Calendario

Settembre 2019
L M M G V S D
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 1 2 3 4 5 6

Dieses Portal verwendet Cookies zur Optimierung der Browserfunktion.Wenn Sie mehr über die von uns verwendeten Cookies und deren Löschung erfahren möchten, ziehen Sie bitte unsere Datenschutzbestimmung zu Rate.Datenschutzbestimmung.

  Ich akzeptiere die Cookies von dieser Seite.
EU Cookie Directive Module Information