27.000 firme piuttosto che 38.000?

I diritti referendari per questo non diventano più praticabili sulla base del disegno di legge del gruppo consigliare della SVP in materia di partecipazione.

Iniziativa per più Democrazia non è assolutamente sorpresa della notizia che il vertice dell'SVP abbia deciso l'abbassamento del limite del numero delle firme da raccogliere da 38.000 a 27.000. Al contrario: È avvenuto proprio quello di cui l'Iniziativa era fin dall'inizio convinta. La soglia del numero delle firme è stata prima strategicamente fissata ad un livello assurdo (38.000), da poter dimostrare poi al momento giusto la propria disponibilità al compromesso.

Leggi tutto...

Non facciamoci intrappolare da una legge truffa!

Questa mattina si sono ritrovati in occasione della prima sessione di giugno del Consiglio provinciale davanti al Palazzo del Consiglio attivisti dell'Iniziativa per più democrazia e rappresentanti delle organizzazioni sostenitrici per protestare contro il modo di procedere e il comportamento del gruppo consiliare della SVP riguardo alla riforma della legge sulla democrazia diretta.
 
La protesta si rivolge contro il gruppo consiliare SVP il quale non prosegue la trattazione di quanto è rimasto dopo che esso ha fatto piazza pulita, cioè del proprio disegno di legge, e impedisce in questo modo che si arrivi finalmente al referendum contro questa legge.

Leggi tutto...

Due referendum per ridurre degli stipendi dei consiglieri provinciali e regionali

Firma ora nel tuo comune per due referendum riguardo la riduzione degli stipendi dei consiglieri provinciali e regionali

Se in Alto Adige e nel Trentino entro il 2 giugno saranno raccolte almeno 15.000 firme autenticate(si può firmare in tutti i municipi e sporadicamente anche su bancarelle), tutti gli aventi diritto al voto in Regione Trentino Alto Adige, in una domenica di marzo o aprile 2013, potranno votare se vorranno una totale riforma degli stipendi dei
consiglieri e se dovrà essere abolita la diaria.

Leggi tutto...

Quorum zero

 

La TUA FIRMA per chiedere:

 

 

 

Quorum zero in tutti i referendum - così chi vota decide
Revoca degli eletti - come in California, Svizzera, Venezuela, Bolivia.

Leggi tutto...

Campagna nazionale per la democrazia diretta

valuta gli elementi più importanti del disegno di legge della SVP sulla partecipazione dei cittadini

In imminenza del dibattito al Consiglio provinciale sul futuro regolamento della democrazia diretta a livello provinciale l'Iniziativa per più democrazia richiama l'attenzione sulle gravi carenze contenute nella proposta, che la SVP cerca di imporre alla popolazione. A questo scopo ha fatto ricorso alle voci più autorevoli in materia di democrazia diretta a livello europeo, cioè il rinomato istituto di ricerca IRI-Europe a Marburgo (Initiative and Referendum Institute Europe). Il Prof. Andreas Gross e il direttore dell'IRI Bruno Kaufmann nel loro esame sezionano articolo per articolo la proposta SVP riconoscendole qualche progresso rispetto la normativa presente, soprattutto l'azzeramento del quorum di partecipazione. "Questi miglioramenti", commentano gli autori, "verranno però pagati caro dai cittadini, perché sono controbilanciati da una serie di restrizioni eccessive che scoraggeranno tantissimi cittadini dal formulare le proprie istanze per sottoporle al Consiglio e a tutti i concittadini. Regole talmente restrittive penalizzano tutta la democrazia diretta e con questo anche la democrazia in se."

La carenza più grave sarebbe costituita dalla rinuncia della SVP all'introduzione dei due strumenti più importanti della partecipazione diretta, cioè del referendum confermativo e dell'iniziativa popolare con immediato diritto alla votazione referendaria.

Leggi tutto...

I soci dell'Iniziativa per più democrazia decidono come proseguire il proprio percorso

Sabato 28 gennaio, nel Vecchio Municipio di Bolzano, si è svolta la 17a Assemblea dei soci dell'Iniziativa per più democrazia.
La discussione si è concentrata soprattutto sull'imminente trattazione del proprio disegno di legge sulla democrazia diretta in Consiglio provinciale.

  
In merito sono state varate le seguenti mozioni:
L'Iniziativa riafferma la propria convinzione che, considerando la fondamentale differenza tra il proprio disegno di legge e quello della SVP, la cosa più sensata al momento attuale è che il Consiglio provinciale, prima del varo della nuova legge, decida l'effettuazione di un referendum consultivo attraverso il quale i cittadini possano esprimere la loro preferenza per uno dei due disegni di legge.

Referendum consultivo prima della decisione del Consiglio provinciale sul nuovo ordinamento della democrazia diretta!

Il Consiglio provinciale voglia deliberare l’indizione di un referendum consultivo sui disegni di legge riguardanti la democrazia diretta

Oggi è stata consegnata ai Consiglieri provinciali una lettera aperta dei promotori e delle organizzazioni sostenitrici dell'iniziativa popolare per la democrazia diretta. In essa si invita il Consiglio a rendere possibile e deliberare lo svolgimento di un referendum consultivo sui disegni di legge in questa materia che stanno per essere trattati dall'aula. Un tale referendum si può svolgere sulla base della vigente legge prov. n. 11/2005, e la sua effettuazione può essere deliberata dal Consiglio prima di approvare definitivamente una legge.

Leggi tutto...

SVP stronca la trattazione del disegno di legge d’iniziativa popolare sulla democrazia diretta.

Il potere dev’essere controllato. All’impotenza di cittadini e cittadine si deve finalmente rispondere con concrete possibilità di agire.

E invece si crea ulteriore frustrazione!

Venerdì scorso nella Ia commissione legislativa i rappresentanti della SVP - Noggler, Schuler, Pichler Rolle, Stirner e Munter – sono riusciti a impedire la trattazione del disegno di legge d’iniziativa popolare sulla democrazia diretta, che comunque sarà trattato in aula. Il gruppo consiliare della SVP non ha avuto il minimo rispetto per una proposta organica sulla democrazia diretta condivisa da un’ampia parte della popolazione – probabilmente dalla maggioranza – e che i rappresentanti dell’opposizione (Ulli Mair, Seppi e Urzì) in commissione volevano trattare.

Leggi tutto...

Cerca

5 per mille per piu democrazia diretta

Al momento della vostra dichiarazione dei redditi ricordatevi per favore che ci vuole l'impegno e la forza di tutti noi per riuscire in questo intento. Per farci beneficiare del 5 per mille indicate il nostro codice fiscale: 940 58890214

Attualità

Dieses Portal verwendet Cookies zur Optimierung der Browserfunktion.Wenn Sie mehr über die von uns verwendeten Cookies und deren Löschung erfahren möchten, ziehen Sie bitte unsere Datenschutzbestimmung zu Rate.Datenschutzbestimmung.

  Ich akzeptiere die Cookies von dieser Seite.
EU Cookie Directive Module Information